La moda fa schifo, se non sai come farla

La moda fa sognare ma, a volte, fa anche vomitare.

Scherzi e rime a parte, dando un’occhiata alle gallery di street style degli ultimi tempi, a fare notizia e ad essere fotografatissimi sono soprattutto i look inguardabili o, come amo chiamarli io, i look “strani per forza”.

Sono forzatamente particolari, sono eccentrici nella cattiva accezione del termine e sono, molto spesso, proprio brutti. A proposito di questo leggete anche questo post di Erica di Blueisinfashionthisyear.

La bellezza, così come il gusto, sono soggettivi, direte voi. Ma trovo, dopo 8 anni di questo lavoro,  che la moda stia perdendo un pochino di quella magia che tutti fa sognare.

“Odi la moda brutta perché non la capisci. Allora André Courrèges? Allora Cristobal Balenciaga?”

Cari miei, se non avessi studiato i padri fondatori dello stile e della moda sui libri dell’università prima e sui libri scovati in ogni dove dopo, vi darei pure ragione, ma purtroppo per voi e la vostra ignoranza da caprette ineducate alla ricerca, i pagliacci di oggi non hanno nulla a che vedere con i miti del passato che la moda non la violentavano, ma la plasmavano con maestria e genio creativo.

Eppure c’è ancora chi osa ed incanta, senza far storcere il naso mai.

Giovanna-ti-amo-Battaglia, ad esempio. Stile pazzo ed eclettico, eleganza sempre e comunque, icona dei nostri giorni.

Ed ora, dopo queste righe di sfogo, rifatevi gli occhi e il cuore, trovando conforto nella bellezza dello stile assoluto.

La moda fa schifo, ma Giovanna Battaglia fa sognare.
Cosa sta succedendo allo stile e alla moda vista sulle strade? Dando un’occhiata allo street style c’è poco da stare allegri, ma le eccezioni, per fortuna, ci sono.

Tutto su di me

Eleonora Della Guardia

Follow Me

Instagram

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi